Ecco il pomodorino Verneteco Sannita, il presidio Slow food adottato dal Gruppo Fresco!
 
Orgogliosi di sostenere un pomodoro fresco locale che rischiava l'estinzione a causa di un sistema economico che privilegia varietà più produttive (la quantità piuttosto che la qualità), e metodi di conservazione (per esempio il congelamento) e produzione (in serra) che hanno penalizzato il prodotto stagionale.
Piccolo, tondo e schiacciato ai poli, il pomodorino Verneteco Sannita raggiunge un peso di 25-30 grammi al massimo e ha un caratteristico colore giallo/arancio, che all'interno tende quasi al rosa "salmone".
Questa tipica colorazione è dovuta al gene nor (non ripening) che ha la funzione di inibire
la sovramaturazione. È grazie a questo gene che il pomodoro, raccolto alla fine di agosto e conservato a "piennolo", mantiene le sue caratteristiche organolettiche anche per un anno - protetto dalla buccia spessa e dal gene nor - tanto che può essere mangiato crudo e all'insalata.
Coltivandoli e conservandoli, i contadini del Sannio si garantivano anche nei mesi freddi, un integratore naturale di vitamina C, un esempio di come istinto e saggezza popolare intervengano anche in assenza di conoscenze scientifiche.
 
Focus sul Pomodoro verneteco sannita
a cura di Event Planet s.r.l. che intervista:
- Vito Trotta, Commissione Biodiversità, Slow Food Italia
- Luigi Cutillo, Fiduciario Condotta Slow Food Valle Telesina
- Maria Grazia Marchetti, Fiduciaria Condotta Slow Food Tammaro Fortore
- Patrizia Spigno, Fiduciaria Condotta Slow Food Vesuvio
 
Il Pomodorino Verneteco Sannita viene coltivato nelle zone subappenniniche del Tammaro-Fortore e Valle Telesina, condotte Slow Food del beneventano, prevalentemente a consumo familiare.
Slow Food ha iniziato un'opera di recupero di questo prodotto antico, individuandone cinque ecotipi – ma il lavoro di ricerca è ancora in corso – che sono stati catalogati e registrati nella banca del germoplasma regionale. Il merito va anche a un pugno di contadini che di generazione in generazione hanno continuato questa coltivazione, tenendo viva non soltanto una coltura, ma anche le tradizioni di conservazione e di consumo.
La peculiarità del Pomodorino Verneteco Sannita è di essere disponibile anche in inverno conservato sotto forma di "piennolo", termine con cui si indicano grappoli di piante di pomodoro che vengono appese a testa in giù ai muri esterni delle case, al riparo e all'asciutto.
Viene coltivato nei terreni considerati marginali, di montagna e collina, poco adatti ad altri prodotti, poiché si tratta di una pianta molto resistente e che ha bisogno di acqua solo al momento della semina (tanto che meno ne riceve, tanto più è equilibrato il suo sapore, decisamente meno dolce degli altri pomodori). i tratta per questo di una varietà che si adatta facilmente a qualsiasi tipologia di terreno. CONTINUA A LEGGERE IN FORMATO.PDF
 
 
 

Fresco Pizzeria utilizza cookies tecnici e di profilazione. Alcuni cookies potrebbero già essere attivi. Leggi come poter gestire i ns. cookies: Privacy Policy.
Clicca il pulsante per accettare i ns. cookies. Continuando la navigazione del sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.